Denbora  5 ordu 36 minutu

Koordenatuak 1742

Noiz igoa 12 de octubre de 2015

Noiz egina octubre 2015

  • Balorazioa

     
  • Informazioa

     
  • Erraza jarraitzeko

     
  • Ingurunea

     
-
-
698 m
238 m
0
4,9
9,7
19,48 km

Bisitak 994, kokapena 15

Nondik gertu Gielle Uno, Marche (Italia)

Giornata dedicata alla ricerca di nuovi sentieri in un posto meraviglioso, tra la valle del Metauro e quella del Candigliano, gìà meta di numerose altre esplorazioni. Abbiamo parcheggiato vicino alla chiesa di San Giovanni in Petra in un campetto da calco abbandonato e abbiamo fatto la parte più pericolosa del tracciato: attraversare il Metauro sul ponte della Statale: bloccando il traffico, abbiamo fatto 200 mt sulla statale e siamo poi andati a prendere la strada bianca che sale verso le colline. Abbiamo scovato un sentiero non segnato ma ampio e comodo che ci ha portati fino al Monte Formento. Da li abbiamo seguito il sentiero CAI per poi lasciarlo per andare sulla cima del M. Cagnero per poi riscendere giu dall'altra parte e superare la strada prov.le Sant'Angelo /Piobbico al solito punto. Al Wpt peò abbiamo lasciato il comodo biancorosso per seguire una vecchia traccia di sentiero che scende verso il fosso sottostante. Senza troppe difficoltà arriviamo in fondo e prendiamo a sx per andare in direzione di Santa Maria , ma il sentiero si chiude e ci costringe a salire dall'altra parte... andrebbe anche bene se non fosse che il sentiero e fangoso e i cavalli scivolano nella ripida salita e ... dobbiamo tornare indietro e uscire dal fosso verso Cà Massano. . Fatto un breve breck, riprendiamo il ritorno girando intorno al monte per strade secondarie e risbuchiamo in cima al Monte Formento. Per tornare ai van, però, non facciamo la strada della mattina e neanche la strada bianca che scende ma ci andiamo ad infilare sul Monte Roverso per poi scendere dallìaltra parte e andare a cercare una vecchia strada abbandonata. Aperto il passaggio a colpi di macete, la troviamo e rientriamo senza altri patemi fino al fondovalle ed ai trailer.
Questo percorso non è bello in se, non è da rifare così com'è ma può dare spunto per dei percorsi nuovi che nessuno usa. A cavallo, in mtb o a piedi sono percorsi in un ambiente ancora selvaggio e naturale a due passi da casa.
Erlijio-eraikina

San Giovanni in Petra

San Giovanni in Petra Campèosanto, chiesetta, campo di calcio abbandonato: sistemazione perfetta per i van
cima

M. Cagnero

M. Cagnero piccola deviaziolne dal sentiero biancorossso permette una bella visuale della dorsale appenninica
Waypoint

lasciare il B/R scendere a dx

lasciare il B/R scendere a dx. seguire la traccia seguendo la dorsale fino in fondo al fosso.
cima

M. Proverso

M. Proverso con la croce, un lepre ci scappa da sotto i piedi!!!
Waypoint

pericolo

Sentiero largo e ben segnato ma pericoloso a cavallo dopo la pioggia: il terreno devinta fangoso sopra e duro sotto crea una pista da scivolo pericolosa per i cavalli. per qualli a piedi non rimane che arrampicarsi nel bosco aggrappandosi agli alberi.
Waypoint

prendere a dx

prendere a dx

4 iritzi

  • argazkia PasqualeGV

    PasqualeGV 13-oct-2015

    Percorso variegato, con sentieri in mezzo a boschi di faggi che si toccano tra loro, fin quasi a formare una vera e propria galleria naturale. In prossimità della croce, un panorama a 360° che propone l'avvicendarsi di crinali fin dove l'occhio riesce a spingersi! Alcuni tratti scivolosi a causa del terreno argilloso pieno dell'acqua dei giorni precedenti ci ha costretto a cambiare direzione, per non mettere a rischio l'incolumità dei cavalli, ma anche dei cavalieri, che a stento riuscivano a stare in piedi. Ed in tutto questo, anche l'incontro con gli abitanti di quei posti: caprioli, lepri e persino una volpe! https://it.wikiloc.com/percorsi-outdoor/urbania-ricerca-nuovi-sentieri-03-ott-15-11074859#wp-11074863/photo-6709179

  • argazkia Ass.Naz. Giacche Verdi Marche

    Ass.Naz. Giacche Verdi Marche 15-oct-2015

    Ibilbide hau egin dut  Gehiago ikusi

    Zona molto bella: anche se non elevata (tra i 400 e 700 mt) è rimasta molto selvaggia con calanchi e boschi frequentati solo da cacciatori e tartufai. Il percorso permette di attraversare boschi e fossi fuori dagli usuali percorsi segnati. Interessante per chi in mtb cerca strade nuove.

  • argazkia LUCA ANTONIO

    LUCA ANTONIO 15-oct-2015

    Ibilbide hau egin dut  Gehiago ikusi

    Ci siamo proprio divertiti a scendere per sentieri appena tracciati e cercare nuovi passaggi .... ma ne manca sempre un pezzo.... da riprovare

  • argazkia PasqualeGV

    PasqualeGV 20-oct-2015

    Dopo giorni di pioggia, un po' di tregua che ci ha consentito di immergerci in un paesaggio composto, inizialmente, da campi lavorati che, piano piano, hanno lasciato il posto a boschi di faggi. Dentro il bosco, le piante si uniscono tra loro fin quasi a creare delle vere e proprie gallerie naturali. L'acqua dei giorni precedenti ha finito per impregnare i sentieri e ci ha obbligato a cambiare itinerario, perché i cavalieri, ma anche i cavalli non erano in grado di procedere in sicurezza. In mezzo ai colori dell'autunno, l'incontro con gli abitanti del bosco: caprioli, lepri, persino una volpe! Una bella giornata alla ricerca di nuovi e vecchi sentieri insieme ad una bella compagnia!

Nahi izanezkero edo ibilbide hau