Iraupena  7 ordu 37 minutu

Koordenatuak 196

Noiz igoa 7 de marzo de 2021

Noiz egina marzo 2021

-
-
1.827 m
1.008 m
0
3,0
6,0
12,02 km

Ikusita 168 aldiz, jaitsita 2 aldiz

Nondik gertu: Vergemoli, Toscana (Italia)

Ho classificato questo giro come "alpinismo" perchè la salita con neve sulla Pania della Croce va fatta utilizzando materiali quali ramponi e piccozza. A differenza di due anni fa l'ho classificato "facile" e non "medio" perchè pur avendo ripetuto lo stesso giro oggi le condizioni del manto nevoso e climatiche erano migliori. Due anni fa l'itinerario a differenza di oggi non era stato precedentemente "pistato" neppure sulla cresta terminale dove trovai un' unica cornice sottilissima e vento molto molto forte... .
La partenza è avvenuta all'altezza delle Rocchette perchè ad un certo punto la strada (a circa 2 km dal Piglionico) era impraticabile per presenza di neve e diversi alberi caduti. Arrivati quindi a piedi al Piglionico abbiamo preso il CAI 7 e al bivio con il CAI 127 abbiamo scelto di prendere a destra seguendo quest'ultimo. L'idea è quella di salire percorrendo Borra di Canala, una variante più bella rispetto al CAI 7 che conduce al rifugio Rossi ma anche più impegnativa perchè il dislivello aumenta e perchè il 127 a tratti è stretto ed esposto e quindi, specie con neve, è da fare con attenzione. Giunti sotto la porta di Borra di Canala si prende a sinistra in ripida salita il CAI 139 e si giunge così all'inizio del bellissimo vallone di origine glaciale. La pietraia che caratterizza il luogo in estate con la neve è interamente ricoperta quindi si sale meglio ma la salita è sempre piuttosto ripida soprattutto nell'ultimo tratto poco prima di arrivare alla Focetta del Puntone. Dalla Foce si segue il CAI 7 e si risale il Vallone dell'Inferno che è meno ripido ed è più corto del precedente canale salito. Racchiuso fra le due creste est questa è la via più facile per raggiungere la vetta e quindi accessibile a qualsiasi buon escursionista tenendo però presente che con neve ghiacciata si può scivolare. A differenza di Borra di Canala nel Vallone dell'Inferno abbiamo trovato, vista la sua esposizione a est e quindi più al sole, neve abbastanza papposa specie nella parte alta. Arrivati al Colle della Lettera abbiamo seguito il comodo segno di passaggio dei numerosi precedenti visitatori ma sempre con la dovuta attenzione visto che sui lati il pendio di neve dura scende molto ripido. Si arriva in breve alla croce di vetta dopo di che si scende dalla stessa via percorsa all'andata e si torna alla Focetta del Puntone.
Si continua a seguire il CAI 7 verso il Rifugio Rossi. Qui si deve superare un delicato traverso che porta al rifugio dove sono già successi numerosi incidenti anche mortali.
Il pendio infatti è molto ripido e precipita verso la sottostante Vetricia. A differenza di due anni fa che non trovai "pistato" neppure questo stavolta lo era ma essendo molto stretto va percorso comunque con grande cautela. Arrivati al rifugio Rossi si scende senza una via obbligata l'uniforme pendio nevoso dopo di che si fa rientro al Piglionico e successivamente al punto di partenza percorrendo il tragitto fatto all'andata seguendo alla meglio i segni del CAI 7.
Bidegunea

Partenza / Arrivo

A circa 2 km dal Piglionico la strada ad oggi era ricoperta da neve e numerosi alberi caduti quindi abbiamo parcheggiato all'altezza delle Rocchette.
Bidegunea

Area campeggio

Nei pressi dell'area camping poco prima del Piglionico si intravede la bella cresta nord della Pania Secca
Bidegunea

Strada delle Rocchette

Arrivati a poco prima della cappellina del Piglionico si inizia ad intravedere il Pizzo delle Saette, a destra e la Pania della Croce a sinistra. La quantità di neve su questo versante è sempre notevole
Bidegunea

CAI 7

Bella veduta sull'Omo Morto dal CAI 7
Bidegunea

Bivio CAI 7 - CAI 127

A questo bivio anzichè andare a sinistra proseguendo sul CAI 7 si va a destra sul CAI 127. Si indossano i ramponi
Bidegunea

CAI 127

Sono numerosi i tratti del CAI 127 abbastanza stretti e esposti
Bidegunea

CAI 127

Si comincia ad intravedere la Vetricia a sinistra con la vicina e isolata Torre Oliva. La spaccatura fra la Vetricia a sinistra e le rocce a destra (versante nord Pizzo delle Saette) è l'inizio della Borra di Canala
Bidegunea

CAI 139

Abbiamo da poco lasciato il CAI 127 e preso a sinistra il CAI 139 e stiamo risalendo i ripidi pendii innevati verso Borra di Canala. Nel bosco diversi gli alberi caduti. Si inizia ad usare la piccozza
Bidegunea

CAI 139

Si esce allo scoperto e si oltrepassa un pendio abbastanza inclinato e ripido che in estate è una semplice pietraia. Bella è la veduta della parete nord della Vetricia e della cengia Oliva (dove è presente la linea orizzontale di neve che corre a metà parete).
Bidegunea

CAI 139

Si sale il ripido ma facile pendio che precede l'entrata di Borra di Canala
Bidegunea

Inizio Borra di Canala

Per quanto riguarda Borra di Canala innevata lascio commentare le foto. Per certi versi meno faticosa che in estate visto che le pietre sono seppellite dalla neve ma il pendio è a tratti abbastanza ripido e sempre in costante salita. Questa variante rispetto al CAI 7 è più impegnativa ma molto più bella!.
Bidegunea

Borra di Canala

Si procede cercando di non scendere nelle varie avvallature presenti
Bidegunea

Borra di Canala

Risalendo Borra di Canala
Bidegunea

Borra di Canala

Bidegunea

Borra di Canala

Siamo quasi alla fine del bel vallone di origine glaciale poco prima della Focetta del Puntone. Nella foto a sinistra la Pianizza, al centro la seconda metà del canale risalito e a destra l'altopiano carsico della Vetricia
Bidegunea

Focetta del Puntone

Dalla Focetta del Puntone veduta sulla Pania della Croce e del Vallone dell'Inferno che andrà risalito
Bidegunea

Vallone dell'Inferno

Inizio del Vallone dell'Inferno. Il pendio nevoso ricopre interamente la pietraia presente in estate. La pendenza è modesta e lo stesso la lunghezza se confrontata al canale salito in precedenza.
Bidegunea

Vallone dell'Inferno

Dalla parte alta del canale bella veduta sulla cresta terminale che andrà percorsa fino alla croce di vetta
Bidegunea

Colle della Lettera

Risalito il Vallone dell'Inferno si arriva al Colle della lettera. Nella foto bella veduta sulla Pania Secca
Bidegunea

Cresta terminale

Si percorre con attenzione il filo di cresta fino alla croce. A differenza di come trovai un paio di anni fa (unica cornice e forte vento) oggi più facile perchè "pistato"
Bidegunea

Cresta terminale

Bidegunea

Vetta Pania della Croce (1858 metri)

Bidegunea

Traverso

In estate è un innocuo sentiero ma con neve il tratto che va dalla Focetta del Puntone al Rifugio Rossi diventa un delicato traverso su pendio ripido che scende verso la Vetricia. Molti incidenti mortali sono avvenuti qui. Per fortuna oggi, a differenza di due anni fa, trovato già "pistato"
Bidegunea

Rifugio Rossi

Rifugio ancora sommerso quasi del tutto dalla neve. Bella veduta sul versante nord ovest della Pania Secca

Kokapenaren inguruko iritzi eta galderak

    Nahi izanez gero edo ibilbide hau