-
-
121 m
25 m
0
19
38
75,13 km

Bisitak 133, kokapena 12

Nondik gertu Poianella, Veneto (Italia)

Per gli amanti della bicicletta e della natura, volevo proporre una ulteriore variante al percorso delle “Risorgive di Bressanvido”. Come ho già descritto e pubblicato, spero di non stancarvi, si tratta di un anello di circa 10 km che può essere fatto in mtb/citybike/gravel o a piedi come facciamo sempre io e mia moglie Franca. Questo importante progetto, che beneficia anche di fondi messi a disposizione dalla Comunità Europea, è stato realizzato grazie alla sensibilità dell’Amministrazione Comunale di Bressanvido verso le tematiche ambientali, dal Progetto Life e dal “Comitato Risorgive” che da anni si prodiga per la salvaguardia e la valorizzazione di queste importanti risorse.
La variante che vi propongo coinvolge tre importanti percorsi, la ciclovia del Brenta, l’Ostiglia, e la Piar il Percorso della Media Pianura Vicentina per un sviluppo totale di circa 75 km. Con partenza dalla frazione di Poianella (parcheggio Scuola Elementare) il percorso si inoltra subito nella campagna, purtroppo al momento lo sterrato è in via di completamento e si dovrà necessariamente proseguire sulla terra battuta, ma si tratta di poche centinaia di metri, poi si procederà tranquillamente su sentieri sterrati e strade a scarsa intensità veicolare. Lungo il tragitto troveremo degli interessantissimi pannelli informativi che vale la pena di leggere. Lasciato il territorio di Bressanvido ci dirigiamo verso Pozzoleone e successivamente, dopo aver superato Camazzole raggiungiamo, il Brenta per percorrere la splendida ciclopedonale che costeggia il fiume fino a Piazzola. Dopo una doverosa deviazione per ammirare la splendida Villa Contarini (http://www.villacontarini.eu/) ritorniamo verso il Brenta dove faremo una breve deviazione per imboccare l’Ostiglia e attraversare il fiume sul nuovo e spettacolare ponte ciclopedonale. Da qui si pedala fino a Poiana di Granfion per poi proseguire sul nuovo tratto di ciclabile che attraversa la Zona Industriale di Grisignano del Zocco fino ad intersecare la Ciclopedonale della “Media Pianura Vicentina”. Da questo punto invertiamo decisamente la rotta e cominciamo a tornare indietro. Il percorso si inoltra nella campagna, fiancheggiando corsi d'acqua da secoli utilizzati per la coltivazione del riso.  Giunti a Torri di Quartesolo percorreremo il tratto urbano della ciclabile fino al ponte palladiano sul fiume Tesina. Saliti sull’argine si pedalerà ininterrottamente fino a Quinto Vicentino. Da questo punto si può decidere se continuare verso Bolzano Vicentino in “single track” sull’argine (consigliato ai ciclisti esperti per la presenza di qualche punto critico) o come indicato nella traccia che allego, lungo il percorso misto veicolare/ciclopedonale, per poi riprendere l’argine del fiume tesina che ci porterà, sempre immersi nella campagna, verso l’ultima parte del nostro giro.
Per concludere, preciso che il mio principio ispiratore e quello di proporre percorsi volutamente il più possibile semplici e che possano essere fatti da tutti, famiglie con bambini compresi, lasciando al ciclista esperto la possibilità di trovare percorsi alternativi più affini alle proprie capacità e preparazione atletica.

Kokapenaren inguruko iritzi eta galderak

    Nahi izanezkero edo ibilbide hau