-
-
738 m
71 m
0
11
21
42,47 km

Bisitak 2143, kokapena 140

Nondik gertu Garda, Veneto (Italia)

Traccia che ripercorre la MTB Marathon del 2014 con rientro a Garda evitando l’ultimo tratto che passa per Rocca Di Garda.
Percorso molto bello e vario con pochi passaggi tecnici, traccia sempre evidente . Il grosso ploblema però è il fondo dei sentieri che è quasi sempre molto scivoloso e puo diventare pericoloso se affrontato sotto la pioggia , quindi prestare molta attenzione.
Il tracciato è caratterizzato da una salita iniziale di 4,5 km che porterà i concorrenti sul Monte Luppia assaporando fin da subito le emozioni dei Single Track del Garda per poi proseguire accompagnati dal panorama del Lago fino alle località di Coi e Loncrino.
Da qui inizia la lunga salita di circa 8 km che si arrampica sul Monte Baldo che ci porterà prima a San Zeno di Montagna e poi nei pressi del piccolo abitato di Lumini. Inizia probabilmente qui il tratto più emozionante della gara affrontando prima il Monte Belpo che regala un panorama unico nella zona per poi iniziare la lunga discesa verso valle all’interno della maestosa Pineta Sperane e le sue terre rosse.
Terminata la discesa, in località Castion, si affronta la piccola asperità della Pineta Morta per poi tornare ad emozionarci in una nuova e lunga discesa verso Garda
DATI TECNICI SALITE:
Monte Luppia: 4,5 km con pendenza media del 7,5% e punta massima al 18%
San Zeno di Montagna: 8,3 km con pendenza media del 9% con brevi tratti al 19%
Monte Belpo: brevi strappi con pendenze massime intorno al 15%
Pineta Morta: 2,3 km con pendenza media del 5,4% e massima del 13%

1 comentario

  • argazkia lelefuta

    lelefuta 18-oct-2017

    abbiamo fatto ieri 17/10/2017 questo percorso bello e impegnativo, ma volevo fare 2 segnalazioni:
    1) dopo la salita di San Zeno e nei pressi di Lumini, si deve attraversare un castagneto che è recintato con filo spinato con la presenza di cancelli lucchettati. Presente all'interno c' era la Sig.ra Maria che raccoglieva le castagne e ci ha detto che da li non si poteva passare e che quel tratto era forse percorribile solo in occasione della MTB Marathon quindi dovevamo tornare indietro, però a forza di insistere e convincerla che venivamo da Bologna apposta per fare quel bel giro si è impietosita e ci ha aperto i due cancelli.
    2) nella zona della" piccola asperità della Pineta Morta" il bosco ha mangiato il sentiero che si perde tra gli alberi caduti e bisogna faticare per trovare un varco alternativo, cosa non facile.

Si quieres, puedes o esta ruta