Jaitsi

Desnibel positiboa

2.666 m

Zailtasun maila

Ertaina

Desnibel negatiboa

3.160 m

Gehieneko garaiera

1.336 m

Trailrank

53

Gutxieneko garaiera

177 m

Ibilbide mota

Norabide bakarra

Denbora mugimenduan

5 ordu 35 minutu

Iraupena

9 ordu 59 minutu

Koordenatuak

3580

Noiz igoa

28 de febrero de 2021

Noiz egina

febrero 2021
Izan zaitez lehena txalotzen
1 iruzkina
Elkarbanatu
-
-
1.336 m
177 m
24,57 km

Ikusita 48 aldiz, jaitsita 1 aldiz

Nondik gertu: Pomezzana, Toscana (Italia)

[Percorso escursionistico ad anello che inizia e si conclude in località "le calde", a qualche centinaio di metri da foce di San Rocchino. La lunghezza é di circa 15 km, non presenta difficoltà tecniche se non in un brevissimo tratto sulla cresta SO del monte Matanna, punto facilmente aggirabile da destra].

[Ringrazio e saluto Lorenzo Verdiani che, con la sua recensione sulla cresta sud ovest del monte matanna qui su wikiloc, mi ha dato spunto per questo nuovo percorso sulle belle apuane].

Lasciata l'auto in località Le Calde si prosegue in salita (carrabile) lungo il cai 106 in direzione foce san rocchino. Giunti alla cappella si segue il cai 3/121 fino a foce di grattaculo. Da qui il 121 per poche decine di metri e, successivamente, un sentiero non numerato ma ben visibile sulla nostra destra ci porta fuori dal bosco. Ora il nostro primo obiettivo é di fronte a noi. Ci spostiamo sul filo di cresta e la risaliamo senza troppa fatica. La croce di vetta si fa sempre più vicina. Le difficoltà non superano mai il primo grado se non in un breve tratto poco più avanti della metà del versante. Qui si arriva al secondo grado, noi l abbiamo affrontato (quasi) tranquillamente, in ogni caso è facilmente aggirabile da destra abbandonando per pochi minuti la cresta. Arrivati in vetta uno spuntino e due chiacchiere con altri escursionisti e si riparte in direzione opposta a quella fatta in salita. Scendiamo verso il callare di matanna e risaliamo verso la vetta del monte nona, qui assolutamente senza difficoltà. Il panorama, come sempre, e come durante tutto il percorso, é mozzafiato.
Riscendiamo seguendo un altro sentiero non tracciato in alcuni tratti poco visibile, ma non si può sbagliare: il procinto é alla nostra sinistra e la sua vista ci accompagna fino ad arrivare sul segnavia cai 109. Si continua fino a foce delle porchette, da qui il sentiero n.8 fino ad incrociare il 6/ 121 che seguiamo fino a che questi non si dividono. A questo punto il Procinto si intravede nuovamente sulla nostra sinistra! Facendo qualche passo indietro decidiamo di risalire il piccolo ma faticoso canale che porta alla foce del procinto. Man mano che si sale si intravede il ponticello di legno che "unisce" il monte nona e il monte procinto. Un'opzione potrebbe essere quella di passare sotto il ponte di legno e poi risalire a sinistra e passarci sopra. Noi abbiamo preferito arrampicare una decina di metri prima del ponte e "sbucare" sulla cintura.
Completato il giro intorno al procinto e goduto del panorama, si riscende direzione rifugio forte dei marmi, per me ormai tappa obbligatoria. Pausa birra e si riparte sul cai 121 fino a foce di grattaculo. Qui chiudiamo l'anello e proseguiamo sulla stessa strada dell'andata fino alla macchina.
Bidegurutzea

Intersezione

Foce di san rocchino
Ikuspegia

Panorama

Ikuspegia

Panorama

Ikuspegia

Panorama

Ikuspegia

Panorama

Ikuspegia

Panorama

Arriskua

Tratto di II grado

Gailurra

Monte matanna

Ikuspegia

...il vicino procinto

Gailurra

Callare di matanna

Gailurra

Monte nona

Ikuspegia

Dal monte nona verso foce delle porchette

Ikuspegia

Panorama

Aterpea

Rifugio forte dei marmi

Ikuspegia

Panorama

1 iruzkina

  • argazkia Lorenzo Verdiani

    Lorenzo Verdiani 15 mar. 2021

    Leggo adesso Vito. Ti ringrazio e complimenti per la descrizione ben fatta e dettagliata

Nahi izanez gero edo ibilbide hau