-
-
1.001 m
293 m
0
4,9
9,9
19,76 km

Bisitak 222, kokapena 10

Nondik gertu Coniale, Toscana (Italia)

Dal parcheggio su via Rapezzo si imbocca la SP della Faggiola in direzione Palazzuolo sul Senio. Dopo una serie di tornanti, sulla sx, parte una strada indicata dalla segnaletica "Tirli", che conduce alla chiesa di San Patrizio in Tirli. Sul lato sx della chiesa, inizia una carrabile che, attraversando inizialmente un castagneto (foto 1), si inoltra nella valle del fosso Rimaggio con una serie di saliscendi fino all'abitato di Pianettine, dove si incontra l'asfaltata che sale da Casovana. Si percorre per poche decine di metri l'asfaltata e, in corrispondenza di una svolta a sx, si imbocca a dx la carrabile in salita in direzione Ca' Lazzari. La carrabile diviene presto una lieve traccia a causa delle frane che ne hanno cancellato il percorso originale. Indicatore di prossimità ai ruderi di Ca' Lazzari (foto 2) è una roulotte abbandonata che si incontra non appena la traccia sfocia su una carrabile, alternativa alla traccia percorsa, proveniente dall'abitato "Pianettine" precedentemente lasciato. Si continua percorrendo il sentiero che, salendo ad incrociare la traccia di crinale con segnavia CAI 715, scende verso la valle del Fosso Longare e la Selva di Quedina. Oltrepassando i maestosi castagni secolari della selva, si prosegue seguendo a ritroso il CAI 715 ma abbandonandolo appena passato un rudere di un essiccatoio a sx, prestando attenzione a imboccare la traccia sulla dx in direzione monte faggiola, . Il sentiero, molto scivoloso in condizioni di bagnato, sale deciso costeggiando un secondo rudere di un essiccatoio, e sfociando in una carrabile più ampia, creata dai mezzi utilizzati per esbosco del legname. Poco più avanti, ormai in prossimità dell'incrocio con il CAI 701, si incontrano i ruderi di un grande edificio indicato sulla IGM con il toponimo di "C. della Faggiola" (foto 4). Passato il rudere, si prosegue sfociando sul CAI 701 in prossimità della Fontana della Faggiola. Si prosegue in direzione Passo del Paretaio e, raggiunta l'asfaltata, si scende leggermente per imboccare la prosecuzione del CAI 701 poco più a valle a sx, in direzione Coniale.
Si continua guadagnando le Piane della Ritornata, poi il Poggio della Cestina e infine Monte del Fabbro sempre seguendo il segnavia CAI 701.
Appena oltrepassato monte del Fabbro, dove il CAI 701 prosegue in discesa un una pista lastricata con grosse pietre levigate di arenaria, si svolta a dx in una vecchia carrabile che, in discesa segue grossomodo lo spartiacque tra il "Fosso del Gattone" e il "Rio della Valle" (foto 5). Mantenendo sempre la carrabile principale che scende fino all'abitato di Lastreto (foto 6) e successivamente a "Rapinale", dove la carrabile diviene asfaltata. Si arriva infine a Rapezzo e dopo poco al parcheggio da dove ha inizio la traccia.

Kokapenaren inguruko iritzi eta galderak

    Nahi izanezkero edo ibilbide hau