Iraupena  10 ordu 17 minutu

Koordenatuak 1484

Noiz igoa 5 de marzo de 2020

Noiz egina septiembre 2014

-
-
249 m
112 m
0
5,2
10
20,68 km

Ikusita 491 aldiz, jaitsita 15 aldiz

Nondik gertu: Farnese, Lazio (Italia)

Una delle piu' belle e selvagge escursioni in forra che abbia mai fatto assieme all'amico Daniele nel settembre 2014.
Il percorso parte dalle suggestive rovine della città di Castro, la "Parigi" di Maremma, sede di un Granducato, distrutta dalle truppe papaline nel 1649 e raggiunge gli eremi di Poggio Conte e Ripatonna Cicognina percorrendo quasi integralmente i letti dei Fiumi Paternale, Fiora e Olpeta. Va percorsa esclusivamente in estate e in alcuni tratti si procede nell'acqua e spesso anche con tuffi e a nuoto.
Dopo Castro si guada l'Olpeta (possibile stesso punto al ritorno) e si risale per una tagliata etrusca nel tufo (Cavone di Castro) dove spicca una iscrizione etrusca (WP approssimativo).
Usciti dal Cavone si incammina per la sterrata prima e asfaltata poi (pannelli Sentiero dei Briganti) a un certo punto si lascia la strada per immettersi nella Paternale (punto WP) dove inizia l'aquatrekking vero e proprio.
Il Paternale è il primo fiume ed è solitamente in secca, si inizia a camminare agevolmente non vi scoraggiate se trovate rifiuti portati dalla piena, pian piano si diratano fino a sparire, si continua e dopo esser passato sotto un ponte in locatità Punton della Villa nelle pareti della forra dovrebbe esserci la grotta dove si nascondevano il Brigante Tiburzi e i suoi compari (l'ho saputo solo dopo):
http://squadra75piloni.altervista.org/storie-di-briganti.html
Dopo poco il suddetto ponte ci sono dei divertentissimi enormi massi caduti dall'alto dove si possono scavalcare o passare sotto (vedi WP e anche il video allegato).
Al termine del Paternale poco prima dell'affluenza col Fiora c'è una salita obbligata per evitare un salto di una cascata (non fotografata) dove bisogna salire un breve tratto ripidissimo fuori sentiero di 50 mt con le mani tra arbusti radici e terra (messo WP approssimativo), unica vera difficoltà del percorso.
Lungo il Fiora e lungo l'Olpeta si cammina in buona parte lungo le loro rive e ci si bagna dove la vegetazione non consente di proseguire. Di grande suggestione e soddisfazione l'arrivo agli eremi di Poggio Conte con affiancante cascata e quello piu' grande di Ripatonna Cicognina (o Chiusa del Vescovo), ma in questo percorso è sempre la natura e la bellezza dei fiumi a farla da padrona!!
Lungo l'Olpeta a fine percorso si puo' decidere se continuare sul fondo a mollo fino a Castro (abbiamo trovato forte corrente contraria) oppure salire lungo la traccia (un piccolo breve tratto fuori sentiero) verso una fattoria e da li una sterrata che ci riporta alla strada verso il Crocifisso di Castro.
Il percorso è altamente spettacolare e consiglio di non andare da soli, ma almeno in due. Meglio portare con sè una corda oltre che a una roncola o cesoie (ma che comunque allora non sono servite). Attitudine a bagnarsi, portare scarpe da ginnastica con suola carrarmato tipo trail running (i bastoncini in questo caso impicciano solamente, meglio avere le mani libere) e una sacca stagna da tenere dentro lo zaino in modo da tenere chiavi portafoglio documenti e indumenti asciutti.
Durante il percorso dopo il Cavone si è aggregato con noi anche un cucciolo di cane nero trovatello (Moretto, poi lo abbiamo riportato alla fattoria delle Mele Granate), puo' darsi che oggigiorno vi ritroverete un bel cagnone nero che vi accompagni!! :)
Ripeto: è' bene fare quersto percorso in piena estate e quando i fiumi non
sono in piena, in alcuni punti sono stretti e potrebbe esserci
parecchia corrente.
La traccia parte dal parcheggio del Crocifisso di Castro; da allora non siamo più tornati, ma ho saputo esserci nel frattempo un assurdo accesso a pagamento da parte del Comune di Farnese alle rovine (dello stile Gabella dello Sceriffo di Nottingham). Se sono pochi euro bene, altrimenti cercate di aggirare Castro per procedere direttamente all'aquatrekking!
Buon divertimento!!
Bidegunea

Parcheggio

Parcheggio
Bidegunea

Piazza Maggiore di Castro

Piazza_Maggiore_di_Castro
Bidegunea

ambienti ipogei

ambienti_ipogei
Bidegunea

lasciare strada e scendere per Fosso Paternale

lasciare_strada_e_scendere_per_Fosso_Paternale
Bidegunea

WP Approx. Lasciare Paternale arrampicandosi a dx

WP_Approx._Lasciare_Paternale_arrampicandosi_a_dx
Bidegunea

arrivo sul Fiora

arrivo_sul_Fiora
Bidegunea

Enormi Massi Caduti

Enormi_Massi_Caduti
Bidegunea

Chiesa di Santa Maria

Chiesa_di_Santa_Maria
Bidegunea

Lasciare Olpeta

Lasciare_Olpeta
Bidegunea

Eremo Ripatonna Cicognina o Chiusa del Vescovo

Eremo_Ripatonna_Cicognina_o_Chiusa_del_Vescovo
Bidegunea

Eremo di Poggio Conte

Eremo_di_Poggio_Conte
Bidegunea

Fattoria

Bidegunea

Olpeta

Olpeta
Bidegunea

Scritta Etrusca in alto a sx

Scritta_Etrusca_in_alto_a_sx
Bidegunea

Cavone di Castro

Cavone_di_Castro

6 iritzi

  • argazkia franzwalker

    franzwalker 28-jul-2020

    Ciao, pensavo di fare una versione più breve di questo percorso entrando nell'Olpeta all'altezza del guado dopo il terzo km del tuo percorso per poi continuare dentro il fiume seguendo la corrente in direzione della Fiora, ruscendo poi dall'Olpeta all'altezza di questo tracciato fra il km 18 e 19 per poi tornare al parcheggio di Castro. Il mio dubbio era sulla praticabilità come acquatrekking di quel tratto di Olpeta. Grazie

  • argazkia pirpolo

    pirpolo 28-jul-2020

    Ciao, se ho capito bene praticamente vorresti fare il pezzo a ritroso dentro l'Olpeta da sotto Castro fino ad uscire per la fattoria giusto? secondo me è fattibile perchè avresti la corrente a favore!! pero' in quel tratto finale (era mia intenzione proseguire fino a Castro per completare l'anello non l'ho fatto in quanto era tardi) il letto del fiume era piuttosto incavato e stretto tra le rocce e con forte corrente contraria, potresti provare e farmi sapere! mal che vada torni indietro
    Pero' il Paternale a confronto è altamente spettacolare, davvero un vero peccato se non lo fai!! Non puoi farlo in traversata con due macchine?
    In ogni caso non andare da solo e portatevi un cordino.
    Fammi sapere, grazie!!

  • argazkia franzwalker

    franzwalker 28-jul-2020

    Ciao, grazie della tua risposta. In effetti vorrei passare per l'Olpeta sotto Castro. Il giro che hai fatto è veramente interessante ma dovrei andarci con degli amici che non credo se la sentirebbero di fare l,'intero percorso di più di 20 km. Stavo valutando come alternativa la possibilità di fare la staffetta con le auto con partenza da Castro o più a valle dal guado con l'Olpeta per terminare a metà strada fra i due eremi, finito il sentiero da Poggio Conte dove si riprende la strada asfaltata. Sarebbero circa 13 km. Salterei l'Olpeta ma farei il Paternale. Un'altra possibilità potrebbe essere la partenza direttamente dal Paternale. In questo caso però non so in che condizioni sia la strada che ci arriva e soprattutto se c'è spazio per la sosta di 2/3 auto. Grazie

  • argazkia pirpolo

    pirpolo 29-jul-2020

    Le tue alternative sono tutte validissime!!!
    Anche se sono passati 6 anni, cercate di puntare sul Paternale, ne vale la pena; all'inizio non demoralizzatevi per i rifiuti! semmai l'Olpeta lo finirete in un altro giro, che manca anche a me...
    Il Paternale ha l'unica vera difficoltà alla fine, prima della sua affluenza sul Fiora, per via dell'uscita obbligata dal letto del fiume per aggirare un salto di una cascata, devi salire con le mani per un terreno ripido e impervio per circa 50 metri, valuta tu per i tuoi amici, vedendo le tue tracce su wiki penso che non avrai nessun problema!! Magari ancora prima del salto della cascata c'è un sentierino che non abbiamo visto. comunque con un cordino risolvi...
    Nel caso della macchina parcheggiata all'arrivo dopo Poggio Conte cercate di andare anche all'altro eremo di Ripatonna Cicognina o Chiusa del Vescovo, si cammina per campi e si torna indietro senza nessun problema.

  • argazkia pirpolo

    pirpolo 29-jul-2020

    " In questo caso però non so in che condizioni sia la strada che ci arriva e soprattutto se c'è spazio per la sosta di 2/3 auto"
    in entrambi i casi puoi parcheggiare:
    sulla ampia sterrata al punto dove c'è wp "lasciare sterrata e scendere fosso paternale" questo tratto sebbene facile e asciutto aveva il maggior numero dei rifiuti (che magari con le piene in questi 6 anni sono andati avanti). COnsiglio questa opzione (vedi sotto)

    oppure

    sulla strada asfaltata sp 109, prima del waypoint enormi massi caduti, pero' ovviamente ignoro se sia fattibile la discesa al Paternale essendo più incavato rispetto al piano del suolo.

    potete valutare sul posto all'ultimo momento...

  • argazkia franzwalker

    franzwalker 29-jul-2020

    Grazie 👍

Nahi izanez gero edo ibilbide hau